Scritto da 11:48 am Vecchiano, Attualità

Ex Cava di San Frediano: affidato dal Comune di Vecchiano l’incarico per la progettazione della riduzione del rischio del sito

VECCHIANO – Novità in materia Asbuc di Vecchiano, Nodica, Avane e Filettole.

“Un’ottima prima notizia è che è stato affidato dall’ente vecchianese all’ingegner Bonaldi l’incarico per la messa a punto del progetto della riduzione del rischio, previsto dall’atto transattivo stipulato tra Comune di Vecchiano e Comitato. Si tratta di un primo step importante,  per andare ad agire sulla riduzione del rischio del sito della ex cava ” affermano il Sindaco Massimiliano Angori e il Presidente del Comitato Paolo Burba. 

“Siamo inoltre al lavoro sul censimento dei casotti sul lago di Massaciuccoli, altro elemento importante per quanto concerne il patrimonio di Asbuc, e che può rappresentare un beneficio per tutta la comunità”, aggiunge Burba.

“E non è tutto”, prosegue il Sindaco Angori.”Da alcune settimane è online il nuovo sito web del Comitato Asbuc  Vecchiano, Nodica, Avane e Filettole. Sul portale sono disponibili tutti i documenti, dallo Statuto del Comitato ai bilanci finanziari, in un’ottica di operazione di trasparenza  totale. E che può essere utile a tutti i cittadini e le cittadine di Vecchiano che se vorranno potranno documentarsi e trovare tutte le informazioni relative all’attività del Comitato. Questo serve anche a spiegare il motivo per cui siamo arrivati all’accordo transattivo come Comune di Vecchiano, al netto delle critiche del gruppo di minoranza Vecchiano Civica che anche nell’ultimo consiglio comunale si è ostinato a richiedere l’istituzione di una commissione di inchiesta su Asbuc, ora, ad accordo raggiunto, quando invece da parte di tutti i Consiglieri di minoranza è calato un imbarazzante silenzio quando il nostro Ente rischiava di vedere pignorate le casse comunali, da parte del precedente Comitato Asbuc, per la sentenza di Appello che aveva condannato il Comune di Vecchiano al pagamento di circa 2 milioni di euro. Alle sterili critiche di Sbragia, che guarda ai trascorsi ormai conclusi, noi guardiamo avanti: al progetto di riduzione del rischio per la ex cava e alla rivalutazione del patrimonio locale”, conclude Angori.

Last modified: Febbraio 5, 2023
Close