Scritto da 6:58 pm Pisa, Attualità, Cultura, Tutti

Tradizioni storiche: celebrato il dì di Sant’Antonio Abate

PISA – L’Anziano Rettore Michele Conti, e il Consiglio degli Anziani del Gioco del Ponte hanno partecipato martedì 17 gennaio, alla Santa Messa nella chiesa di Sant’Antonio, nel giorno in cui la Chiesa celebra come anniversario della morte, avvenuta nel 356, di Sant’Antonio Abate.

«Sant’Antonio Abate – dichiara l’assessore alle Tradizioni Storiche, Filippo Bedini – è una una figura importantissima del culto cristiano, fondatore del monachesimo cristiano, primo degli abati e protettore degli animali. A Pisa il giorno di Sant’Antonio Abate è però anche qualcos’altro: ogni anno l’Associazione Amici del Gioco del Ponte organizza infatti una celebrazione per inaugurare l’anno giocopontesco. Questo perché la data del 17 gennaio è ricordata, nel racconto sulle origini del Gioco “Oplomachia Pisana” di Ranieri Borghi, come il “giorno destinato all’annua rappresentazione del nostro Giuoco”. Successivamente, era invece diventata la data in cui si disputava la cosiddetta “battagliaccia” o “battagliuccia”».

Quest’anno la festa di Sant’Antonio Abate ha segnato anche la prima occasione nella quale sono state utilizzate le indicazioni contenute nel nuovo calendario alfeo, che istituzionalizza le date in cui la direzione Tradizioni della storia e dell’identità di Pisa celebra la storia e la gloria di Pisa, vestendo a festa i Palazzi comunali con gli stendardi, le bandiere, gli addobbi che ricordano di volta in volta il Gioco, il Capodanno, San Ranieri e tutte le altre ricorrenze che sono entrate nell’elenco dei giorni da ricordare.

Alla Messa hanno partecipato anche i comandi delle Nobili Parti di Tramontana e Mazzogiorno, ed è stato il momento per ufficializzare le nuove nomine che nei giorni scorsi sono state fatte dall’Anziano Rettore: il Generale di Mezzogiorno Sergio Mantuano, il Magistrato dei Delfini Federico Guida e il Magistrato del Sant’Antonio Domenico Grassi.

Il nuovo Generale Mantuano vanta una lunga esperienza di Gioco, al quale partecipa ininterrottamente da circa venti anni, avendo ricoperto vari ruoli sempre nella Parte australe, come Guardia al campo, Ufficiale addetto guardie al campo, Tamburino, Sergente Maggiore, Maestro di Campo.

Last modified: Gennaio 17, 2023
Close