Scritto da 9:05 pm Pisa, Attualità, Crespina Lorenzana

Casa della Comunità “Spoke” di Crespina Lorenzana: un nuovo polo sanitario al servizio della comunità pisana

CRESPINAÈ stato presentato oggi il progetto per la realizzazione della Casa della Comunità (CdC) “Spoke” di Crespina Lorenzana, in provincia di Pisa. Tra le autorità presenti alla cerimonia vi erano il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il sindaco di Crespina Lorenzana Thomas D’Addona, i sindaci di Orciano Pisano Giuliana Menci e di Fauglia Alberto Lenzi, insieme all’assessore regionale all’istruzione Alessandra Nardini. Anche l’Azienda sanitaria era rappresentata, con la presenza della direttrice dell’Asl Toscana nord ovest Maria Letizia Casani e la direttrice della Sds pisana Cristina Laddaga.

Il progetto, finanziato con i fondi PNRR, prevede la creazione di un luogo di aggregazione fondamentale, in cui opereranno medici, infermieri di famiglia e altri specialisti ambulatoriali.

Il presidente Giani ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra Regione, Azienda sanitaria e Comuni per la realizzazione di progetti come la Casa della Comunità, che rappresentano un miglioramento significativo per il sistema sanitario locale. Ha ricordato che la Toscana è stata presa come modello a livello nazionale per la riorganizzazione delle Case della Salute e ha espresso soddisfazione per i numerosi interventi previsti nel territorio regionale.

Il sindaco D’Addona ha evidenziato l’importanza della Casa della Comunità come luogo essenziale per la presa in carico dei pazienti e per valorizzare il ruolo della sanità territoriale, ringraziando la Regione e l’Azienda sanitaria per il supporto nel realizzare il progetto.

La direttrice Casani ha espresso soddisfazione per il processo di programmazione delle Case delle Comunità, annunciando l’avvio dei lavori per la Casa di Crespina Lorenzana, un investimento importante per il territorio pisano. Ha evidenziato l’attenzione della Regione verso il territorio e la volontà di venire incontro alle esigenze della cittadinanza, sottolineando che la struttura sarà ecosostenibile e si integrerà con gli altri servizi sanitari presenti sul territorio.

Anche la direttrice Laddaga ha sottolineato l’importanza dell’integrazione e del lavoro in rete per garantire servizi socio-sanitari adeguati alle esigenze della popolazione, annunciando l’inizio di una fase più operativa per riempire di contenuti la struttura.

Last modified: Marzo 30, 2024
Close