Scritto da 10:55 am Pisa SC

Serie BKT. La presentazione della diciottesima giornata

PISA – Tocca al Pisa inaugurare il penultimo turno del girone di andata del torneo cadetto, ospitando sabato 17 dicembre alle ore 18 il Brescia, mentre alle 20:30 si affrontano Reggina-Bari, con a seguire sette incontri in programma domenica 18 e conclusione con il posticipo serale di lunedì 19 fra Perugia e Venezia.

di Giovanni Manenti

Come detto, ad “aprire le danze” sarà sabato pomeriggio l’Arena Garibaldi, dove un Pisa in serie positiva da 12 turni attende il Brescia reduce dalla sconfitta interna contro il Parma e, soprattutto, in crisi di risultati visto che ha colto una sola vittoria nelle ultime 11 gare disputate, circostanza che potrebbe consentire ai nerazzurri – con altrettanti successi nelle ultime tre gare allo “Stadio Romeo Anconetani” – di operare il sorpasso in Classifica a spese dei lombardi che li precedono di un solo punto, nonché riscattare la pesante sconfitta per 1-4 subita ad agosto in Coppa Italia, considerando altresì che nelle ultime visite in terra toscana le “Rondinelle” hanno racimolato un solo punto, se pur Mister D’Angelo dovrà fare a meno di Beruatto squalificato, come del resto l’ex nerazzurro Benali.

Quanto mai Interessante, ai fini della Classifica, è l’appuntamento serale che vede di fronte la seconda e la terza della graduatoria, con la Reggina che ospita al “Granillo” – dove, dopo un inizio scoppiettante, ha già subito due battute d’arresto – un Bari rilanciato dalle ultime due convincenti vittorie ed imbattuto da 7 turni, per il quale un’eventuale affermazione consentirebbe di raggiungere gli amaranto di Mister Pippo Inzaghi a quota 32 punti, ancorché con una tradizione nettamente sfavorevole in terra calabra, dove non hanno mai vinto nelle 6 sfide andate in scena dall’inizio del nuovo Millennio e con entrambe le formazioni ad avere un elemento (Gagliolo e Maiello, rispettivamente) appiedato dal Giudice Sportivo.

Il ricco programma domenicale ha “il sale nella coda”, nel senso che, dopo i 5 incontri in programma alle ore 14:00, alle 18:45 scendono in campo al “Renzo Barbera” Palermo e Cagliari per un “derby delle isole” che richiama a tempi ben più fortunati per le due squadre, con i padroni di casa alla ricerca di una continuità di risultati che manca da inizio Torneo, così come i sardi devono riagganciare la Zona Playoff, distante un solo punto, obiettivo minimo rispetto alle ambizioni pre Campionato, così come si presenta al Genoa la grande occasione per rialzare la testa dopo il periodo buio che ha portato all’esonero del tecnico Blessin, ospitando a “Marassi” alle 20:45 la Capolista Frosinone, imbattuta da ben 10 turni, per una sfida che in Serie B non si disputa curiosamente da 16 anni esatti, essendo il 16 dicembre 2006 allorché i Grifoni si imposero per 3-2.

Nel primo pomeriggio sono viceversa previste gare insidiose a causa di una Classifica quanto mai corta e nelle quali cogliere i 3 punti significherebbe ribaltare la relativa posizione, a cominciare dal Parma che, rinfrancato dal successo esterno di Brescia ed ospitando la SPAL nel Derby emiliano, spera di tornare a festeggiare davanti al proprio pubblico dopo le ultime due sconfitte patite al “Tardini”, pur affrontando un’avversaria con l’acqua alla gola, così come deve fare altrettanto la Ternana che deve affrontare al “Libero Liberati” il Como penultimo in graduatoria ed ancora a secco quanto a successi esterni.

A metà strada fra la Zona Playoff e quella Playout, con 21 punti a testa, si affrontano al “Braglia” Modena e Benevento, con i giallorossi campani che sembrano sulla strada giusta per rilanciarsi in ottica Promozione, viste le due ultime vittorie consecutive, mentre i gialloblù emiliani vogliono riscattare la pesante sconfitta di Bari, identico obiettivo che si pone il Cittadella ospitando un SudTirol che, pur mantenendosi ancora ai margini della Zona Playoff, non conosce vittoria da quasi due mesi, risalendo l’ultima all’1-0 sul Parma di metà ottobre, mentre per il Cosenza restano poche alternative alla conquista dei tre punti, ancorché la sfida interna contro l’Ascoli non sia certo delle più agevoli, sperando di ripetere il 2-1 di inizio aprile 2021.

Il quadro della diciottesima giornata si completa lunedì sera con il posticipo tra il fanalino di coda Perugia ed il Venezia, appuntamento al quale le due squadre giungono con stati d’animo ben diversi, in quanto per i padroni di casa non vi altro obbligo che la vittoria se vogliono continuare ad alimentare speranze di salvezza, mentre i lagunari, con 10 punti conquistati negli ultimi quattro turni, mirano ad uscire definitivamente dalle paludi della zona playout.

Last modified: Dicembre 17, 2022
Close