Scritto da 1:59 pm San Giuliano Terme, Attualità, Tutti

Posata la prima pietra del Centro Polifunzionale all’ex Polveriera

SAN GIULIANO TERME – L’area abbandonata della ex polveriera “Maionchi” sembra ormai un lontano ricordo. Mercoledì 25 gennaio nel comune di San Giuliano Terme in località ‘Palazzetto’, è stata posata la prima pietra del quartier generale della Todisco Group, che ospiterà gli uffici della holding leader italiana della chimica di base.

Al posto dei ruderi della vecchia fabbrica di cartucce sorgerà una struttura all’avanguardia, funzionale, soprattutto sostenibile e largamente fruibile. Un investimento da 14 milioni di euro (interamente privato), un grande progetto di rigenerazione urbana di una zona che troverà nuova vita. All’evento erano presenti il sindaco di San Giuliano Terme Sergio Di Maio, il presidente della Todisco Group Donato Todisco, il titolare della Decorarte David Orsini e l’arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto, insieme ai lavoratori della Todisco e alle maestranze che operano sul cantiere.

Oggi è il coronamento di un sogno iniziato due anni fa con l’acquisto di questo terreno e tengo innanzitutto a ringraziare l’Amministrazione comunale, in particolare il sindaco Di Maio: la prima struttura a vedere la luce sarà il centro polivalente, il futuro Palacongressi della cittadina termale – afferma il presidente Donato Todisco –. Inizia il percorso che ci porterà intanto ad avere un edificio interamente realizzato in legno, che ospiterà lo spazio congressuale più versatile tra quelli costruiti di recente, finalizzato ad ospitare una estesa varietà di grandi eventi“.

I numeri dell’intera operazione, che vorremmo concludere entro l’anno, sono importanti – spiega il Presidente –: oltre 42.000 metri quadrati complessivi, 5.500 dei quali fino a poco tempo occupati da edifici cadenti e con tetti in amianto. La nuova superficie edificata, però, non solo non andrà ad occupare terreno, ma sarà anche inferiore a quella preesistente: sarà di 3.100 metri quadrati, contraddistinta da un’unica sala dagli spazi variabili grazie a pareti modulari. Questo permetterà, in base alle diverse destinazioni d’uso, lo svolgimento di convegni o congressi, ma anche eventi artistici, musicali, esibizioni e mostre. L’obiettivo del progetto è anche quello di contribuire a colmare una lacuna infrastrutturale storica del territorio, visto che a Pisa manca un centro polivalente con queste caratteristiche in cui organizzare eventi di livello nazionale”. Previsto un foyer di 600 metri quadri, un’area utilizzabile per cene di gala ed eventi aziendali, oltre ad un parcheggio da 300 posti auto. “Sorgerà un grande auditorium da 500 posti a sedere che si chiamerà Angiola, come mia madre, scomparsa da qualche anno“, ha aggiunto Todisco.

Siamo ben felici di assistere al principio della fase finale di una grande operazione, il momento in cui uno dei centri polivalenti più all’avanguardia a livello nazionale incomincerà a prendere concretamente forma – afferma il sindaco Sergio Di Maio – . Siamo pronti a sottoscrivere una convenzione per organizzare eventi pubblici. Ringrazio Donato Todisco per avere scelto il nostro comune per stabilire la sede centrale della Todisco Group, in particolare per il sostegno di un investimento economico-patrimoniale improntato ad una struttura all’avanguardia, sostenibile e dunque rispettosa di un ambiente circondato dalla natura. Andiamo avanti con il recupero di aree ed edifici preesistenti, in modo da ridare vita a vecchie strutture e possibilità alle tante raltà della zona, il tutto tenendo conto di un territorio in cui vogliamo limitare il consumo di suolo, ma senza fare venire meno lo sviluppo e le opportunità. E poi arricchiamo la presenza di eccellenze dell’area pisana, dopo aver attratto le fondazioni ‘Le Vele’ e ‘Pisana per la Scienza’ e ‘L’Isola dei Girasoli’. Da oggi ne accogliamo un’altra di straordinaria importanza come la Todisco Group“.

Si tratta di un progetto frutto di una variante urbanistica che riqualificherà tutta l’area di Palazzetto in termini di viabilità e servizi e di un sistema sicuro dal punto di vista idraulico e idro-geologico. Godremo di un complesso architettonico in armonia con il paesaggio, che verrà inoltre alimentato da pannelli fotovoltaici integrati sulle coperture dei posti auto, limitando radicalmente l’impatto sui consumi e sulle emissioni“, ha concluso Di Maio.

Last modified: Gennaio 25, 2023
Close