Scritto da 11:56 am Pisa SC

Serie BKT: il punto dopo la quinta giornata

PISA – In un quinto turno favorevole alle squadre in trasferta, con quattro affermazioni esterne rispetto a due sole a domicilio, spicca la goleada del Parma a Catanzaro nel match clou di giornata, con gli emiliani ora soli al comando della Classifica, tallonati peraltro da Venezia e Palermo, anch’esse vittoriose ma con il minimo scarto, mentre in coda conquista il primo punto della sua storia fra i Cadetti la Feralpisalò ed iniziano a farsi critiche le situazioni di Spezia, Ternana e Sampdoria.

di Giovanni Manenti

Doveva essere la “gara della verità” per il neopromosso Catanzaro, ospitando al “Nicola Ceravolo” l’ambizioso Parma ed, al contrario, la sfida si è rivelata una passerella d’onore per i ragazzi di Mister Pecchia, capaci di archiviare la pratica già nei primi 45′, chiuso sul 3-0 (rete in avvio di Man e doppietta di Benedyczak, salito a quota 4 fra i marcatori), con il risultato arrotondato nella ripresa dai centri di Partipilo e Colak per un 5-0 che, almeno per il momento, ridimensiona le ambizioni dei calabresi, mentre lascia per strada i primi punti anche il Modena che, dopo tre successi consecutivi, no0n va oltre l’1-1 sul neutro di Piacenza contro la matricola Feralpisalò, brava a non disunirsi dopo la rete subita dopo appena 1′ da Falcinelli, trovando viceversa poco dopo il punto del pari con Davide Balestrero, che così sigla una rete storica per il Club, parf altresì al suo primo centro tra i cadetti.

Alle spalle del Parma si fanno largo altre due grandi favorite della vigilia, ovvero il Venezia che, nell’anticipo di venerdì aveva liquidato al “Penzo” uno Spezia dimostratosi peraltro in ripresa, condannato alla sconfitta da una zampata di Pohjanpalo al 10′ della ripresa, reattivo nel ribattere in porta una conclusione dal limite di Busio respinta dal palo alla destra di Dragowski, stesso risultato di 1-0 con cui, sia pure a fatica, il Palermo riesce a far sua l’intera posta ad Ascoli, grazie ad una rete nel recupero su mischia da calcio d’angolo realizzata da Mancuso che festeggia così il suo primo centro con la nuova maglia, con i rosanero peraltro potenzialmente alla pari dei “Ducali” avendo una gara da recuperare.

Sfiora il colpo grosso il Sudtirol a Cosenza in un match che, dopo essere andati sotto in avvio per una “rete impossibile” di Michael Venturi (al suo primo centro in Serie B), vede gli altoatesini ribaltare a proprio favore il risultato nella ripresa grazie alle reti di Casiraghi (al quinto centro stagionale) ed Odogwu, salvo essere raggiunti al 98′ sull’ultima azione della partita da una rete di testa siglata proprio dall’ex Mazzocchi, a differenza del Cittadella che, nel posticipo di ieri sera a Marassi condanna la Sampdoria alla terza sconfitta casalinga su altrettanti incontri disputati, nonostante che i blucerchiati avessero sbloccato il risultato con La Gumina in chiusura di primo tempo, salvo poi farsi rimontare dalla rete di Magrassi in avvio di ripresa e da una conclusione dal limite del Capitano Branca per quello che rappresenta il primo, storico successo dei veneti sul campo dei liguri.

Atteso ad un pronto riscatto contro il Bari dopo la deludente prova di Modena, il Pisa di Mister Aquilani fa ben sperare i propri tifosi con una buona prima mezz’ora di gioco, in cui i nerazzurri trovano anche il vantaggio frutto di una acrobatica conclusione al volo di Beruatto dal limite dell’area, salvo poi progressivamente calare alla distanza dimostrando una condizione fisica ancora approssimativa in alcuni elementi, a cui si aggiunge la terza espulsione in quattro gare disputate, toccata stavolta a Nagy per doppia ammonizione, giunta peraltro dopo che i pugliesi avevano già colto il punto dell’1-1 siglato dal 18enne AQkpa-Chuwuku, al suo esordio assoluto tra i Cadetti, che salva l’imbattibilità stagionale di un Bari peraltro raggiunto in Classifica dal Como che, in un rocambolesco finale di partita, riesce a far sua l’intera posta contro una Ternana passata in vantaggio con il secondo centro stagionale del 19enne scuola Bologna Raimondo, salvo vedersi raggiunta e superata da un’insolita doppietta del difensore centrale olandese Odenthal, il cui centro decisivo giunge al 5′ di recupero.

Per concludere, sarebbe ancora a punteggio pieno anche il Brescia che, dopo il successo all’esordio in Campionato contro il Cosenza, fa suo anche il “derby lombardo” contro l’altra “ripescata” Lecco, sbloccando il risultato in avvio con una stupenda conclusione da appena dentro l’area del neo acquisto Borrelli in prestito da Frosinone e poi chiudere il match con il raddoppio di Flavio Bianchi, gara su cui pesano come macigni i doppi errori dal dischetto di Novakovich (sullo 0-1) e di Eusepi (al 96′) per i padroni di casa, mentre la sfida fra Reggiana e Cremonese termina sul 2-2 con un tempo per parte ed i padroni di casa a recriminare per non aver difeso il doppio vantaggio maturato nella prima frazione, raggiunti all’86’ da una strepitosa girata al volo da parte dell’eterno Massimo Coda a dimostrare come, anche a 35 anni, il senso del goal non abbia età.

Last modified: Settembre 19, 2023
Close