Politica Calci

La mancata cittadinanza onoraria al Milite Ignoto: le proteste di Uniti Per Calci

PISA - L'opposizione critica nei confronti della maggioranza. Uniti Per Calci aveva chiesto la cittadinanza onoraria del Milite Ignoto che non è stata concessa.

“Il 4 novembre si celebra il centenario della tumulazione solenne del Milite Ignoto nell’Altare della Patria. Per riconoscere anche nella nostra piccola comunità il valore di migliaia di soldati morti per l’Italia, nel mese di maggio avevamo chiesto, nell'apposita commissione, che al Milite Ignoto venisse concessa la cittadinanza onoraria del Comune di Calci” fa sapere Davide Capizzi, consigliere comunale di Uniti per Calci. “Ci aspettavamo una condivisione della nostra proposta, invece c’è stato l’ennesimo sconcertante rifiuto da parte della maggioranza, la quale ha sostenuto la mancanza di un legame tra il nostro comune e il sacrificio dei soldati italiani”.

Secondo il regolamento, a Calci la cittadinanza onoraria può essere concessa a una persona non residente che abbia instaurato rapporti con il comune, rendendone più alto il prestigio attraverso una virtù personale o azioni di alto valore. La richiesta di Uniti per Calci si basava sul profondo significato che quel caduto assume in rappresentanza dell’Italia intera.

“In commissione - continua Capizzi - la maggioranza ha però ritenuto che non ci fosse un legame evidente fra il nostro comune e quell’altissimo simbolo nazionale. È assurdo, ma è andata proprio così. Costretti a prendere atto di tale irragionevolezza storica e culturale, e nello spirito di onorare anche a Calci questo centenario, noi abbiamo dovuto accettare, seppur con rammarico, la decisione alternativa dell'Amministrazione di intitolare al Milite Ignoto un luogo del paese”. L'amarezza dei consiglieri di Uniti per Calci è poi aumentata, quando anche la scelta del luogo si è rivelata non consona al prestigio dovuto: si è deciso di intestare al Milite Ignoto un parcheggio, oltretutto situato in un luogo non facilmente accessibile e sicuramente di scarso passaggio. Si tratta infatti del piazzale sterrato antistante il cimitero di Castelmaggiore.

“Questa la conferma” commenta amaramente Capizzi “di come a Calci una ricorrenza così importante non abbia trovato il giusto riconoscimento. Eppure il Gruppo delle Medaglie D’Oro al Valor Militare d’Italia e l’ANCI hanno invitato tutti i consigli comunali italiani a conferire all’unanimità la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto. La dimostrazione di un bisogno, particolarmente sentito, di dare il giusto onore al Milite Ignoto in ogni comune italiano, che però la maggioranza calcesana ha preferito ignorare”.

04 November 2021

PISA - L'opposizione critica nei confronti della maggioranza. Uniti Per Calci aveva chiesto la cittadinanza onoraria del Milite Ignoto che non è stata concessa.

“Il 4 novembre si celebra il centenario della tumulazione solenne del Milite Ignoto nell’Altare della Patria. Per riconoscere anche nella nostra piccola comunità il valore di migliaia di soldati morti per l’Italia, nel mese di maggio avevamo chiesto, nell'apposita commissione, che al Milite Ignoto venisse concessa la cittadinanza onoraria del Comune di Calci” fa sapere Davide Capizzi, consigliere comunale di Uniti per Calci. “Ci aspettavamo una condivisione della nostra proposta, invece c’è stato l’ennesimo sconcertante rifiuto da parte della maggioranza, la quale ha sostenuto la mancanza di un legame tra il nostro comune e il sacrificio dei soldati italiani”.

Secondo il regolamento, a Calci la cittadinanza onoraria può essere concessa a una persona non residente che abbia instaurato rapporti con il comune, rendendone più alto il prestigio attraverso una virtù personale o azioni di alto valore. La richiesta di Uniti per Calci si basava sul profondo significato che quel caduto assume in rappresentanza dell’Italia intera.

“In commissione - continua Capizzi - la maggioranza ha però ritenuto che non ci fosse un legame evidente fra il nostro comune e quell’altissimo simbolo nazionale. È assurdo, ma è andata proprio così. Costretti a prendere atto di tale irragionevolezza storica e culturale, e nello spirito di onorare anche a Calci questo centenario, noi abbiamo dovuto accettare, seppur con rammarico, la decisione alternativa dell'Amministrazione di intitolare al Milite Ignoto un luogo del paese”. L'amarezza dei consiglieri di Uniti per Calci è poi aumentata, quando anche la scelta del luogo si è rivelata non consona al prestigio dovuto: si è deciso di intestare al Milite Ignoto un parcheggio, oltretutto situato in un luogo non facilmente accessibile e sicuramente di scarso passaggio. Si tratta infatti del piazzale sterrato antistante il cimitero di Castelmaggiore.

“Questa la conferma” commenta amaramente Capizzi “di come a Calci una ricorrenza così importante non abbia trovato il giusto riconoscimento. Eppure il Gruppo delle Medaglie D’Oro al Valor Militare d’Italia e l’ANCI hanno invitato tutti i consigli comunali italiani a conferire all’unanimità la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto. La dimostrazione di un bisogno, particolarmente sentito, di dare il giusto onore al Milite Ignoto in ogni comune italiano, che però la maggioranza calcesana ha preferito ignorare”.

Pin It