News della Regione Toscana

Maltempo: due morti a Fornaci di Barga e Carrara. Il punto della situazione. Giani: "Firmato lo stato di emergenza regionale"

CARRARA - È terminata la videoconferenza di coordinamento della Protezione civile per fare il punto sugli effetti della perturbazione che stamattina ha colpito la regione. Erano presenti le prefetture, le province, i vigili del fuoco, il volontariato e il Lamma. Le province più colpite sono quelle di Massa Carrara, Lucca e Pistoia.

18 August 2022

Nelle altre ci sono stati danni ma di entità inferiore, riguardanti soprattutto cadute di rami ed alberi, qualche interruzione stradale e della corrente elettrica. In questo momento la Regione Toscana ha attivato la Colonna mobile mettendo a disposizione dei Comuni mezzi e volontari, oltre 100 in tutto il territorio. Nei comuni più colpiti sono in corso le verifiche su infrastrutture e immobili e al momento i vigili del fuoco hanno attive oltre 500 chiamate di intervento. Il Lamma segnala una nuova perturbazione che colpirà la Regione nella serata di oggi fino a notte inoltrata. La protezione civile invita tutti alla massima prudenza e ad attuare comportamenti che non pregiudichino la sicurezza individuale e collettiva.

MASSA CARRARA - Una vittima - Due plessi scolastici danneggiati - Oltre 100 persone evacuate da alcune abitazioni e dai campeggi della costa - Decine di strade interrotte, causa smottamenti, caduta di rami ed alberi - In Lunigiana problemi con la rete elettrica

LUCCA - Una vittima - A Fornaci di Barga un albero è caduto su una strada mentre transitava un auto colpendola: i 4 viaggiatori feriti sono stati ricoverati con 1 codice rosso e 3 verdi - Decine di strade interrotte, causa smottamenti, caduta di rami ed alberi

PISTOIA - Un ferito, strade interrotte, alcune scuole danneggiate e danni anche alla rete elettrica

PRATO - A Carmignano una scuola materna sede di seggio elettorale è stata danneggiata. Sono in corso verifiche.

 

LE PAROLE DI GIANI. "️Nel primo pomeriggio di oggi, dopo un incontro con le dieci realtà di protezione civile della Toscana, ho firmato lo stato di emergenza regionale per gli eventi meteorologici di Ferragosto e di oggi nel territorio delle province di Massa Carrara, Lucca, Pistoia, Prato, Città Metropolitana di Firenze, Arezzo, Siena, Pisa, Livorno, Grosseto”. Il presidente della Regione Eugenio Giani ha annunciato ufficialmente questa decisione aprendo a Carrara una conferenza stampa tenuta insieme al sindaco di Carrara Serena Arrighi e dedicata ai gravi fenomeni metereologici che oggi hanno interessato la Toscana. “Dall’incontro – ha aggiunto Giani - è emerso con chiarezza che i danni sono pesanti e riguardano tutta la regione con una concentrazione soprattutto sulle zone costiere, nelle province di Lucca e Massa Carrara”. “Si è trattato - ha spiegato ancora il presidente - di un evento straordinario, un 'downburst' , questo il termine tecnico, collegato al passaggio del fronte temporalesco si è originato nella zona di San Vincenzo, quindi nella bassa provincia livornese, e ha poi seguito l’andamento della costa fino alle Alpi Apuane, spostandosi poi verso l’interno fin oltre Firenze e in prossimità di Arezzo. L’evento avverso e le fortissime raffiche di vento che ha prodotto hanno causato soprattutto la caduta di alberi, di qui i due morti e i numerosi feriti e i danni molto ingenti su tutto il territorio”.

VICINANZA ALLE FAMIGLIE. Il presidente ha ricordato le due vittime (i tragici eventi si sono verificati a Marina di Carrara e a Lucca) e ha espresso il suo sentimento di vicinanza alle famiglie colpite dal lutto. Giani ha poi annunciato di aver subito contattato il direttore della protezione civile nazionale Fabrizio Curcio: già nei prossimi giorni arriveranno da Roma gli ispettori che coadiuveranno la protezione civile regionale nell’effettuare il censimento dei danni al fine di poter richiedere lo stato di emergenza nazionale, ipotesi sulla quale Giani ha detto di aver riscontrato “un atteggiamento favorevole”.

Pin It