Cultura Pisa

Giornate FAI d'Autunno 2021 a Pisa e Volterra

PISA - I Giovani del FAI, con il supporto di tutte le delegazioni, i Gruppi FAI e i Gruppi FAI Ponte tra culture, propongono per sabato 16 e domenica 17 ottobre la decima edizione delle Giornate d’Autunno con visite in 600 luoghi solitamente inaccessibili o poco noti in 300 città d’Italia tra cui 42 luoghi del Ministero della Difesa, dello Stato Maggiore della Difesa e delle Forze Armate, aperti in occasione del centenario del Milite Ignoto. Torna la grande festa delle Giornate FAI, la più importante manifestazione di piazza dedicata al nostro patrimonio artistico e culturale. Con energia, coraggio, voglia di fare, di migliorare e migliorarsi, di condividere e soprattutto con una passione travolgente per il nostro Paese, oltre 5.000 tra delegati e volontari FAI sono pronti a far innamorare tutti gli italiani dell’Italia.

13 October 2021

L’opportunità, ogni anno nuova e diversa, per accostarsi a un patrimonio smisurato e policromo, raccontato per l’occasione con l’entusiasmo contagioso di tutti i giovani che sposano la missione culturale del FAI: diffondere e coltivare la consapevolezza che l’Italia custodisce tesori inestimabili, fondamento dell’orgoglio che ogni cittadino prova davanti all’eccezionale bellezza del Paese e solida base su cui costruire la prosperità del futuro. Le Giornate FAI sono, dunque, un incontro sentimentale, un abbraccio collettivo tra i visitatori e l’ambiente che li circonda, prodigo di natura, arte e storia. In una parola: cultura. Il catalogo dei luoghi visitabili è, come di consueto, amplissimo così come tantissime sono le tipologie rappresentate: dai complessi religiosi ai palazzi, dai castelli alle aree archeologiche, dai piccoli musei ai parchi e giardini storici, e ancora borghi, aree naturalistiche, luoghi produttivi e molto altro. Inoltre, in occasione del centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto, il Ministero della Difesa, lo Stato Maggiore della Difesa e le Forze Armate concederanno l’accesso straordinario in 42 loro luoghi-simbolo di significativa importanza storica e istituzionale. Quest’anno, tra le aperture proposte, ecco alcuni luoghi sorprendenti delle Giornate FAI: Vicopisano: pieve di Santa Maria Assunta, chiesa di San Jacopo in Lupeta e Sant’Andrea in Nocciola A Vicopisano, con un’unica apertura, si possono visitare tre luoghi, tre chiese accomunate dal loro stile architettonico: il Romanico. La visita vuole collegare idealmente questi tre edifici, ognuno dei quali racchiude anche una propria storia. La Pieve di Santa Maria Assunta e San Giovanni Battista è la più conosciuta e più importante, la costruzione risale al XII secolo, ma la prima attestazione di un insediamento è già del 934; all’interno conserva tracce di affreschi medievali, che probabilmente in origine decoravano tutte le pareti, ma anche la scultura lignea del Battista e soprattutto il gruppo scultoreo della Deposizione nell’abside, uno dei pochi esempi di questa tipologia di scultura rimasti in Toscana.

 Nella piccola valle di Lupeta sorgono la chiesa di San Jacopo, che ne conserva il toponimo, e la chiesa di Sant’Andrea, ora conosciuta come in Nocciola; quest’area sul confine tra Lucca e Pisa e collegata alle più importanti vie di comunicazione sia terrestre sia fluviale era strategica per la nascita di nuovi insediamenti monastici. Infatti, entrambe le chiese avevano annesso un monastero, in particolare San Jacopo già dall’VIII secolo. L’apertura a cura del FAI vuole creare un percorso ideale tra questi edifici ecclesiastici che condividono la stessa architettura e parte della loro storia, ma che attualmente hanno caratteristiche diverse. Se la Pieve e San Jacopo sono ancora luoghi di culto, Sant’Andrea è sconsacrata e ormai da molti anni di proprietà privata e con parte dell’edificio riqualificato come zona abitativa. Questo stretto collegamento ha portato quindi a proporre al pubblico un’unica apertura: i visitatori arriveranno alla Pieve e conclusa la visita, si sposteranno in autonomia verso le chiese di San Jacopo e Sant’Andrea per proseguire l’itinerario ideale. Apertura a cura del Gruppo FAI di Volterra Alla scoperta delle Saline di Volterra e della storica ferrovia Attualmente è in atto una campagna per il ripristino e la valorizzazione a fini turistici della tratta ferroviaria Saline - Cecina, fino ad una sua estensione futura alla città di Volterra. La visita organizzata dal Gruppo FAI di Volterra costituirà l'occasione per approfondire la storia di questo strategico snodo commerciale/logistico per poi proseguire alla scoperta dello stabilimento Locatelli Saline di Volterra, dove attualmente viene prodotto quello che è considerato il "sale più puro d'Italia". Durante la visita, oltre il consueto percorso, ci si soffermerà anche su strutture, luoghi e reperti inediti che generalmente sono esclusi ai visitatori. Le Giornate FAI d’Autunno a Vicopisano e Volterra si svolgeranno: - Sabato 16 ottobre Vicopisano, 10:30-18:00 (ultimo ingresso 16:30) Volterra, 15.00-18:30 (ultimo ingresso 17:30) -

Domenica 17 ottobre Vicopisano, 14:00-18:00 (ultimo ingresso 16:30) Volterra, 9:30-13:00 / 15:00-18:00 (ultimo ingresso 17:30) L’apertura a Vicopisano è possibile grazie al patrocinio del Comune di Vicopisano. Si ringrazia l’amministrazione comunale, in particolare l’Assessora Fabiola Franchi per l’aiuto organizzativo e logistico; il parroco Don Tadeusz Dobrowolski per l’accoglienza, insieme al Comitato Vivere San Jacopo; la famiglia Palotti per la disponibilità e l’entusiasmo; infine, la Crocce Rossa Italiana - Comitato di San Giovanni alla Vena per il supporto offerto. L’apertura a Volterra è realizzata grazie al prezioso e inestimabile supporto dell’azienda Locatelli Saline di Volterra, che fin dai primi momenti ha mostrato disponibilità, serietà e gentilezza; grazie al Comune di Volterra per la sua grande collaborazione e apertura; grazie alla Pro Loco Saline di Volterra per il grande aiuto a livello logistico, organizzativo e concettuale; grazie alla Croce Rossa Italiana - Comitato di Volterra e alla Misericordia di Saline di Volterra per la presenza e cura. Tutti i visitatori potranno sostenere il FAI. È infatti suggerito un contributo non obbligatorio di 3 euro. La donazione online consentirà, a chi lo volesse, di prenotare la propria visita, assicurandosi così l’ingresso nei luoghi aperti dal momento che, per rispettare la sicurezza di tutti, i posti saranno limitati. Chi lo vorrà potrà anche iscriversi al FAI online oppure nelle diverse piazze d’Italia durante l’evento. Agli iscritti saranno dedicate aperture speciali. Prenotazione online consigliata (salvo diverse indicazioni segnalate sul sito) su www.giornatefai.it; i posti sono limitati. N.B. il programma potrebbe subire variazioni. La realizzazione dell’evento nelle singole Regioni dipenderà dal loro colore nella settimana dell’11 ottobre.

Le Giornate FAI d’Autunno si inquadrano nell’ambito delle iniziative di raccolta pubblica di fondi occasionale (Art 143, c 3, lett a), DPR 917/86 e art 2, c 2, D Lgs 460/97). A coloro che decideranno di partecipare verrà suggerito un contributo libero, utile a sostenere la missione di cura e tutela del patrimonio culturale italiano della Fondazione. Gli iscritti al FAI o chi si iscriverà in occasione dell’evento potranno beneficiare di aperture e visite straordinarie in molte città e altre agevolazioni e iniziative speciali. Le visite si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19. In base alle disposizioni del D.L. 105 23/07/2021, l'accesso sarà possibile solo alle persone in possesso della certificazione verde Covid-19 (Green Pass). La certificazione verde è richiesta anche per l'ingresso ai luoghi di carattere naturalistico.

Per i bambini al di sotto dei 12 anni il Green Pass non è obbligatorio. Le Giornate FAI d’Autunno 2021 sono rese possibili grazie al fondamentale contributo di importanti aziende illuminate: FinecoBank, una delle più importanti banche FinTech in Europa e fra le principali Reti di consulenza in Italia, è il prestigioso Main Sponsor dell’evento perché da sempre è impegnata nel valorizzare il patrimonio artistico e culturale del territorio. Multicedi, impresa della grande distribuzione da sempre attenta ai territori in cui opera, per il primo anno è accanto alla Fondazione in qualità di Sponsor dell'evento. Grazie inoltre a Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine, costituita da Leonardo nel 2018, che nasce per favorire il dialogo con la società civile, promuovere la cultura industriale e d’impresa e valorizzare il proprio patrimonio culturale e museale; a Edison, storica azienda amica del FAI da sempre impegnata per la salvaguardia dei luoghi e delle realtà di interesse culturale, turistico e sociale presenti nel nostro Paese e a Ferrarelle, acqua ufficiale del FAI, che ha donato il suo prodotto per l’iniziativa. L’evento si svolge con il Patrocinio della Commissione europea, del Ministero della Cultura, di tutte le Regioni e le Province Autonome italiane.

La FAI ringrazia per la collaborazione il Ministero della Difesa, lo Stato Maggiore della Difesa e le Forze Armate che, in occasione del centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto, concedono l’apertura, durante le Giornate FAI d’Autunno, di alcuni loro luoghi simbolo. Si ringraziano, inoltre, Regione Campania e Regione Lazio per il contributo concesso. Le Giornate FAI d’Autunno chiudono la Settimana Rai di Sensibilizzazione dedicata ai beni culturali in collaborazione con il FAI. Dall’11 al 17 ottobre la Rai racconterà luoghi e storie che testimoniano la varietà, la bellezza e l’unicità del nostro Paese: una maratona televisiva e radiofonica a sostegno del FAI, per emozionare e coinvolgere sempre più italiani sul valore del nostro straordinario patrimonio artistico e paesaggistico e per promuoverne la partecipazione attiva. Rai è Main Media Partner del FAI e supporta in particolare le Giornate FAI d’Autunno 2021 anche attraverso la collaborazione di Rai per il Sociale. Grazie di cuore alle 130 Delegazioni, 106 Gruppi FAI, 98 Gruppi FAI Giovani e 9 Gruppi FAI Ponte tra culture, attivi in tutta Italia. Ad affiancare i volontari ci saranno gli Apprendisti Ciceroni, studenti che desiderano attuare con i propri docenti un’esperienza sul campo come percorso formativo per le competenze trasversali e l’orientamento, o che hanno scelto autonomamente di mettersi in gioco in prima persona per raccontare da protagonisti, anche solo per un giorno, le meraviglie del proprio territorio. Un ringraziamento particolare per il generoso sostegno alla buona riuscita della manifestazione alla Protezione Civile, con la quale quest’anno festeggiamo i 15 anni di stretta collaborazione, all’Arma dei Carabinieri per il contributo alla sicurezza dell’evento e alla Croce Rossa Italiana per il prezioso supporto in questo periodo di emergenza sanitaria e per una partnership ormai consolidata negli anni. Ringraziamo infine in modo speciale i proprietari delle centinaia di luoghi aperti in aggiunta ai nostri Beni e le amministrazioni comunali che hanno accolto questa iniziativa.

Pin It

Le Aziende del Territorio

Ultimi 4 articoli di un tag