Ponsacco

Inaugurata la nuova Jeep ambulanza della Croce Rossa Italiana a San Giovanni alla Vena

VICOPISANO - È stata inaugurata domenica 17 ottobre, da Don Giampaolo Manzin, in Piazza della Repubblica la nuova jeep ambulanza della Croce Rossa Italiana - Unità Territoriale di San Giovanni alla Vena di San Giovanni alla Vena, alla presenza del Sindaco Matteo Ferrucci e di gran parte degli Amministratori. Una vera festa per la comunità e per il paese che si è stretto intorno ai suoi volontari e alle sue volontarie.

17 October 2021

E l’occasione giusta per ricordare, da parte del presidente della Croce Rossa di Pisa, Antonio Cerrai, Ascanio Lenzi, purtroppo scomparso, ma rimasto nel cuore di tutti per il ruolo determinante avuto nella rivitalizzazione della Croce Rossa di San Giovanni alla Vena. Un Volontario con la ‘V’ maiuscola sempre pronto a spendersi per il paese e per le persone, appena fatto il suo nome si è acceso un applauso fragoroso.

Il delegato, Emanuel Felloni, ha ringraziato coloro che hanno contribuito, cittadini, enti, aziende, associazioni, all’acquisto, all’allestimento e alla verniciatura del nuovo mezzo. “È molto importante questa jeep ambulanza - ha sottolineato - perché potremo continuare, grazie a una convenzione con il Coordinamento Monte Pisano AIB che risale al 1999, realizzata in collaborazione con la Croce Rossa Italiana - Comitato di Pisa, e della quale ringraziamo soprattutto l’ideatore, Fabio Casella, al tempo responsabile dell’ufficio protezione civile del Comune Di Calci, ruolo ora ricoperto da Silvia Lorenzoni, a proteggere e soccorrere le squadre antincendio impegnate sul Monte Pisano, come è successo anche nell’ultimo incendio, quello del 14 agosto a Vicopisano.”

”È davvero grande la comunità del Monte Pisano - è intervenuto Fabio Casella - perché in ogni momento, non solo nelle emergenze, si unisce per salvaguardare il Monte e tutti coloro che ci abitano. Sono andato in pensione dopo 42 anni, ma come vedete sono sempre con voi. Sono felice di poter inaugurare questo mezzo e che la convenzione dopo così tanti anni continui a essere sempre più attiva, la prevenzione è fondamentale, ringrazio tutti, di cuore.”

Parole riprese dall’Assessore alla Protezione Civile di Calci, Giovanni Sandroni: “Come diceva Fabio è essenziale lavorare ogni giorno, ‘in tempo di pace’ per pianificare ed essere pronti in caso di emergenze. Il nostro è un territorio bello, ma fragile e gli incendi boschivi aumentano questa fragilità e il rischio idrogeologico. Mezzi come questo ci permettono di raggiungere zone dove abitano famiglie che non possiamo raggiungere in altro modo e di intervenire, per il soccorso, nella cosiddetta zona rossa, proprio dove i volontari antincendio si sono fatti male. Siamo una comunità sempre più resiliente e unita e questo fa la differenza in situazioni critiche.”

“A nome dell’Amministrazione mi congratulo di nuovo con Emanuel e con tutta la Croce Rossa di San Giovanni - ha affermato il Sindaco Ferrucci - che con passione e dedizione e il coinvolgimento di tante realtà e persone ha raggiunto questo obiettivo. Come hanno detto i fratelli di Calci e come dicono i cugini di tutto il Monte Pisano, i campanili sono belli, ma sulle cose importanti si deve stare tutti insieme. Nelle emergenze che abbiamo vissuto, proprio con questo spirito, ho visto una qualità del volontariato sempre più alta, oltreché un impegno straordinario. Mi guardo intorno oggi, e vedo tutte persone che, in un modo o in un altro, fanno qualcosa per la comunità, tantissimi volontari. È davvero emozionante, credo che il volontariato sia il tessuto connettivo di una società, quello che la tiene coesa e la fa andare avanti anche nelle difficoltà. Non ne potremo mai fare a meno, neanche per un giorno. Provo un fortissimo senso di gratitudine, per tutti voi, come ho detto durante l’evento di consegna degli attestati a coloro che hanno spento l’incendio del 14 agosto e a chi li ha supportati. Un sentimento diverso dal ‘grazie’, perché la gratitudine va oltre, resta dentro ed è molto più profonda.”

Pin It